Tuesday, March 13, 2012

UNEXPECTED POETRY

Good afternoon readers!

how are you today?

Today's post will be a little more personal.
I will tell you more about my experience with poetry.

Poetry entered my life when I was studying in high school. I obviously studied all the famous Italian poets, but what got into my heart was English literature. My English teacher (who transmitted to me all her love for the English language and for poetry also) thought us poetry in a different way, it was like being a part of the poems we read. I remember as it was yesterday, the rime of the ancient mariner, by Coleridge. I still remember the sound of those words, the smell of the sea... And from that moment I fell in love with poetry.
I have been writing my own poems when I was 14, and I have never showed them to anyone until last year.
As you know, quite unexpectedly, I participated to an online free poetry contest indicted by a famous Italian publisher, Albatros il Filo, (www.gruppoalbatros.it) with 30 poems. And in the end they selected my work for publication.
This was a great satisfaction for me, since poetry is something really intimate and personal and having a book with a handful of poems of mine that goes around is not always easy to me :D
I am really excited about all that is happening to me in this field and I am also going to go to Rome next Monday for an interview (as you can read on one of my previous posts) that is going to be broadcasted on Sky. I am extremely glad about all this. And I still can't realize that it's happening.
If there are people who want to buy the book, I sell them directly (if you live close to me:) ) but you can also find it online: www.amazon.it - www.ibs.it - www.bol.it -   and the book is "Straniera dentro". I guess there is also an e-book version. :D



What is your relation with poetry?
I alway have with me a book, for me it represents the poetry book for excellence: "Leaves of Grass" by Walt Whitman. And I want to quote:

" I celebrate myself/ and sing myself,
and what I assume you shall assume,
For every atom belonging to me as good belongs to you".


marti




buongiorno cari lettori!!! 

Come state oggi?

In questo post vi voglio parlare di qualcosa di più personale. 
Vi racconterò un po' di più della mia esperienza con la poesia. 

La poesia è entrata nella mia vita durante i miei studi al liceo. Studiavo ovviamente i grandi poeti italiani, ma quello che ha fatto breccia nel mio cuore è stata la poesia che ho studiato durante le lezioni di inglese. 
La mia insegnante di inglese (che mi ha trasmesso tutto il suo amore per la lingua inglese e per la poesia) ci insegnava i poeti inglesi in un modo completamente differente, era come far parte delle poesie che leggevamo. Ricordo ancora come fosse ieri la poesia di Coleridge "La rima del vecchio marinaio". Ricordo perfettamente il suono di quelle parole, l'odore del mare... e da quel momento in poi mi sono innamorata della poesia. 
Scrivo poesie da quando avevo 14 anni e non le ho mai mostrate a nessuno fino allo scorso anno. 
Come sapete, abbastanza inaspettatamente, ho partecipato ad un concorso di poesia, inviando ad una importante casa editrice italiana (www.gruppoalbatros.it), Albatros Il Filo, 30 poesie. E alla fine la casa editrice ha selezionato il mio lavoro per la pubblicazione. E' stata davvero una grande soddisfazione, dato che per me la poesia ha sempre rappresentato una sfera personale ed intima e avere un libro intero con le tue poesie che vengono lette da estranei non è sempre facile per me :D
Sono molto emozionata per tutto quello che sta capitando, e anche per la mia intervista a Roma il prossimo lunedì (come sapete da uno dei miei post), che verrà trasmessa su Sky. 
Se qualcuno fosse interessato ad acquistare il libro, io lo vendo direttamente (se abitate vicini!) altrimenti lo trovate online:  www.amazon.it - www.ibs.it - www.bol.it -   il libro è "Straniera dentro". E credo ci sia anche una versione e-book. :D





Che rapporto avete con la poesia?
Per quanto mi riguarda ho sempre con me un libro che rappresenta per me la poesia per eccellenza: "Foglie d'erba" di Walt Whitman. E cito:


"Io celebro me stesso, io canto me stesso,
e ciò che io suppongo devi anche tu supporlo,
perché ogni atomo che mi appartiene è come se appartenesse anche a te".



marti


4 comments:

Janosh said...

l'unicità di una cosa maestosa è un assioma, non si può commentare ne dimostrare.

Marco D.P. said...

Ciao Marti, so rimasto colpito ed emozionato da questo post che hai scritto. Un abbraccio. spero di vedere presto l'intervista e ascoltare altri tuoi racconti e pensieri ... mi piacrebbe conoscere che libri leggi. Questo sfondo mi fa pensare che leggi tanto ... e dove trovi tutto questo tempo ? ;)
Forse sei già in paradiso.
a presto
m.

Marti Luna said...

caro Marco, ti ringrazio moltissimo per queste tue parole. Hanno valore per me.
Ti ringrazio anche se vorrai seguirmi nel blog, e seguirmi quindi di riflesso in questo cammino che ho voluto intraprendere e che mi porta un po' a mettere a nudo quello che sono, perché è questo che si fa quando si racconta di libri che leggiamo... è mettere davanti ad altri una parte di noi stessi. Sarò molto felice di farlo anche per te. Per tutti coloro che mi leggono. E' un'emozione indescrivibile per me, ogni volta che clicc o su "publish" una volta terminato il mio post (semi)quotidiano. grazie quindi ancora.

marti

Marti Luna said...

Dimenticavo.. Se non leggo, o se non scrivo.. Mi sento vuota.. Morta.. Devo trovare il tempo per questo.. Fosse anche una sola riga..

Follow me